Riesi. Tentato omicidio di un operaio, "giallo" su un'intercettazione in carcere - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Riesi. Tentato omicidio di un operaio, “giallo” su un’intercettazione in carcere

Condividi questo articolo.

Spunta il “giallo” di un’intercettazione in cella che potrebbe giocare un ruolo chiave sull’accusa del riesino Loris Cristian Leonardi, 27 anni, chiamato a rispondere del tentato omicidio dell’operaio Salvatore Tardanico, 39 anni. Intercettazione che dovrà essere trascritta da un perito perché ne venga chiarito il significato.

La Procura ritiene che in una conversazione, captata da una “cimice”, Leonardi, parlando con Vito Manuel Ciccia Romito (arrestato insieme a lui per una rapina), avesse pronunciato delle frasi in cui avrebbe sostanzialmente ammesso di essere stato lui a sparare alcuni colpi di pistola contro Tardanico la sera del 30 aprile 2016. Per la difesa, invece, si tratterebbe di un errore di interpretazione visto che la frase non sarebbe così chiara e quindi sono stati i suoi legali, gli avvocati Carmelo Terranova e Vincenzo Vitello, a chiedere la trascrizione dell’intercettazione. La gup Antonella Leone ha accolto la richiesta e darà l’incarico al perito all’inizio del mese prossimo; Leonardi aveva chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato, condizionato alla trascrizione delle intercettazioni.

Nella vicenda aveva giocato un ruolo chiave un’altra intercettazione, stavolta telefonica, in cui Leonardi, parlando con un’altra persona, avrebbe pronunciato la frase “mi dispiace che è rimasto senza padre”. Per gli inquirenti l’espressione suonava come un’ammissione di colpa, ritenendo che si riferisse all’agguato a Tardanico, parte civile con l’avvocato Giacomo Vitello. Ma per la difesa la chiave di lettura era tutt’altra e cioè che Leonardi stesse parlando di altri suoi conoscenti che avevano effettivamente avuto un lutto. Secondo l’accusa Leonardi aveva sparato a Tardanico in quanto convinto che questi avesse fatto delle avances alla cognata.

 

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

Stampa Stampa
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy