Riesi. L’omicidio di Piero Di Francesco. Il padre della vittima chiede l’annullamento dell’ergastolo – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Riesi. L’omicidio di Piero Di Francesco. Il padre della vittima chiede l’annullamento dell’ergastolo

Condividi questo articolo.

A dicembre la Corte di cassazione dovrà dare l’ultima parola sull’omicidio dell’imprenditore di Riesi Piero Di Francesco e sulla presunta colpevolezza del padre di questi, l’imprenditore Stefano Di Francesco, 68 anni, condannato in primo grado e in appello all’ergastolo con l’accusa di avere causato la morte del figlio.

A presentare ricorso contro la sentenza d’appello emessa nell’ottobre di un anno fa sono stati i legali dell’imprenditore, gli avvocati Michele Micalizzi e Giampiero Russo. I difensori, nel chiedere l’assoluzione dell’imputato, avevano sostenuto che l’aggressione della quale rimase vittima Piero Di Francesco e tutto ciò che ne seguì, cioè il fatto che il padre caricò il corpo del figlio su una vecchia auto aziendale a cui diede fuoco per poi gettarvi sopra del terreno tramite un escavatore, sarebbe avvenuto in tempi troppo risicati. Per la difesa, infatti, tutto si sarebbe svolto in appena 3 minuti, stando anche alle perizie informatiche redatte sulla base dei segnali dei cellulari, in particolare tra le 11.21 e le 11.24 di quel maledetto 9 gennaio 2012. E la difesa aveva insistito parecchio pure sull’assenza di una frattura cranica o una contusione talmente forte da provocare la perdita di sensi.

L’aggressione avvenne, secondo la ricostruzione investigativa, nei pressi della ditta di famiglia, la “Tecnoambiente”, impegnata nelle bonifiche ambientali. La vittima, secondo l’accusa, fu colpita alla testa con un oggetto contundente, mai ritrovato, e perse i sensi. E poi il padre, sempre secondo l’accusa, caricò il corpo su una vecchia auto dell’azienda, la diede alle fiamme e poi gettò del terreno sull’auto per simulare un tentativo di soccorso. Il movente era invece da inquadrare in contrasti per la gestione dell’impresa di famiglia. Inoltre l’imprenditore avrebbe anche confessato le sue responsabilità in uno sfogo sulla tomba del figlio, ignorando che sulla lapide era stata posizionata una microspia che captò lo sfogo. Ma sull’interpretazione di alcune frasi la difesa ha sollevato dei dubbi.

Per gli inquirenti e i legali di parte civile, gli avvocati Margherita Genco e Walter Tesauro, l’impianto accusatorio era granitico e la colpevolezza dell’imputato era stata provata. Anche la Corte d’assise d’appello aveva confermato provvisionali e risarcimenti fissati dalla Corte d’assise di primo grado e cioè 300 mila euro alla vedova Giusy Marotta e ai figli, 50 mila euro è la provvisionale per Calogera Di Patti (madre della vittima) e 20 mila euro per Eugenio Di Francesco.

Ora l’ultima parola spetta alla suprema Corte.

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.