Reparto di cardiologia. Il sindaco Ruvolo: “Emodinamica non può essere messa in discussione” – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti

Reparto di cardiologia. Il sindaco Ruvolo: “Emodinamica non può essere messa in discussione”

Condividi questo articolo.

“L’amministrazione comunale di Caltanissetta prende atto delle legittime preoccupazioni del sindacato Uil Funzione pubblica sul futuro del reparto di Cardiologia dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, confidando in un’azione sinergica tra istituzioni, deputazione locale e organizzazioni sindacali, a tutela della sanità nissena nell’ambito della nuova rete ospedaliera siciliana”. Ad affermarlo è il sindaco di Caltanissetta, Giovanni Ruvolo.

“L’unità complessa di Cardiologia, peraltro senza un primario in carica, comprende un importante servizio quale l’emodinamica, la cui presenza a Caltanissetta è frutto di una battaglia condotta dall’intera città nel recente passato – afferma Ruvolo -. In questo reparto vengono trattati gli infarti acuti entro un ora dall’evento e viene servito un bacino d’utenza di tutto il centro Sicilia, vista la presenza dell’elisoccorso. Insieme alla stroke-unit, l’emodinamica, e con essa la cardiologia, rappresentano un fiore all’occhiello dell’ospedale di Caltanissetta”.

L’emodinamica, inoltre, rappresenta un presidio a supporto delle chirurgie, elemento fondamentale in un ospedale qualificato per le emergenze urgenze.

“Negli incontri con l’assessore regionale alla salute, Ruggero Razza e con il commissario dell’Asp2 Mariagrazia Furnari, è stato assicurato che i servizi connessi al Dea di secondo livello saranno mantenuti. In ogni caso – afferma il sindaco – emodinamica non può essere messa in discussione. A settembre chiederemo di ridiscutere con l’assessorato regionale e l’Asp il tetto di spesa del personale. Siamo rammaricati, infatti, che il personale medico e infermieristico, in cardiologia come altrove, sia sottodimensionato, limitando l’attività diagnostica che spesso viene sacrificata quando il personale viene dislocato in altre strutture della provincia”.

L’azione dell’amministrazione comunale in questi anni “ha consentito di porre sullo stesso piano l’offerta sanitaria della provincia nissena con le strutture delle città metropolitane. E’ auspicabile – secondo il primo cittadino – che tutte le forze politiche, i deputati, i sindacati, continuino questo lavoro unitario. Non possono mettersi in discussione servizi fondamentali come l’emodinamica, la stroke-unit o la chirurgia del S. Elia, così come l’Utin e altri servizi fondamentali a Gela se si vuole garantire una distribuzione razionale dei servizi sanitari in provincia e nella Regione”.

A settembre, dopo l’incontro con l’assessore Razza, sarà necessario un passaggio della conferenza dei sindaci con i sindacati e la deputazione “per definire le strategie più efficaci – conclude il sindaco – affinché il decreto sulla nuova rete ospedaliera sia concretamente attuato, facendo della provincia di Caltanissetta il quarto polo sanitario della Sicilia”.

 

(Foto internet)

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

2 commenti a “Reparto di cardiologia. Il sindaco Ruvolo: “Emodinamica non può essere messa in discussione”

  • 4 agosto 2018 in 7:18
    Permalink

    Sarebbe opportuno che, il sindaco prima di fare articoli, si documenti meglio per non creare allarmismi tra la popolazione, paura, panico e ansia!

    Risposta
  • 4 agosto 2018 in 17:56
    Permalink

    L’emodinamica da sola non e’ la Cardiologia e non risolve tutti i problemi dei cardiopatici. Serve una cardiologia che abbracci piu larghe visioni piuttosto che una singola metodica che serve solo ad una cosa…

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.