Investito al Giro d’Italia, è morto dopo quasi un mese di agonia – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti

Investito al Giro d’Italia, è morto dopo quasi un mese di agonia

Se ti e' piaciuto questo articolo, condividilo.

Leonardo D’Amico, faceva parte del servizio d’ordine per la tappa di Agrigento. E’ spirato al Sant’Elia di Caltanissetta. Si aggrava la posizione dell’insegnante che lo ha travolto: ora è accusato di omicidio stradale

 

Non ce l’ha fatta Leonardo D’Amico, il motociclista di 48 anni di Sambuca di Sicilia commissario di gara del Giro d’Italia investito lo scorso 9 maggio in occasione della tappa agrigentina. Dopo avere lottato per 24 giorni stamattina il motociclista, ricoverato nel reparto di Neurochirurgia dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, si è arreso.

Ora si aggrava la posizione di Gaetano Agozzino, l’insegnante 70enne in pensione che con la sua auto aveva cercato di forzare lo sbarramento disposto dagli organizzatori del Giro finendo per investire il volontario. Adesso dovrà rispondere non più di lesioni gravi ma di omicidio stradale aggravato, oltre che di resistenza a pubblico ufficiale. Le sue condizioni erano apparse fin da subito gravi per via delle ferite riportate alla testa.

 

 

(http://www.lasicilia.it/news/cronaca/165234/investito-al-giro-d-italia-e-morto-dopo-quasi-un-mese-di-agonia.html)

Se ti e' piaciuto questo articolo, condividilo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.