Erogazione Tfr ritardata, il caso finisce alla Corte Costituzionale dopo il ricorso dell’Unsa – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Erogazione Tfr ritardata, il caso finisce alla Corte Costituzionale dopo il ricorso dell’Unsa

Condividi questo articolo.

Il Tribunale di Roma ha sollevato la “questione di legittimità” alla Corte Costituzionale sui tempi di attesa per l’erogazione del trattamento di fine rapporto nel pubblico impiego. Infatti, uno statale “a differenza di un lavoratore privato deve aspettare 27 mesi per ricevere una prima parte del proprio Tfr/Tfs che possono arrivare fino a 51 mesi per l’ultima rata”, sottolinea il sindacato Confsal Unsa che fa sapere dell’ordinanza, avendo presentato ricorso attraverso una sua iscritta.  Il ricorso è stato presentato da un ex dipendente del ministero della Giustizia, ora in pensione, contro l’Inps, che si è costituito ritenendo infondata la questione di legittimità costituzionale sollevata e chiedendo per questo il “rigetto della domanda”, si legge nell’ordinanza del Tribunale di Roma (seconda sezione lavoro). La ricorrente chiede il riconoscimento del pagamento dovuto “senza dilazioni e/o rateizzazioni previste dalla normativa” e comunque “il riconoscimento degli interessi” legati al saldo e “la condanna dell’Inps al pagamento della somma dovuta al titolo di indennità di buonuscita”. La ricorrente, viene specificato, è stata “collocata a riposo dal primo settembre del 2016” e vista l’attuale normativa prenderebbe l’ultima rata del trattamento che le spetta nel “settembre del 2020”. Il Tribunale ha “dichiarato rilevante e non manifestamente infondata, in riferimento agli articoli 3 e 36 della Costituzione, la questione di legittimità” sulle misure che a partire dal 1997 e poi dal 2010, con modifiche successive, hanno rivisto la materia. Ecco che, afferma il segretario generale della Confsal Unsa, Massimo Battaglia, “il Tribunale di Roma nell’udienza del 12 aprile ha riconosciuto valide le motivazioni del sindacato, che ha presentato ricorso, attraverso una propria iscritta ‘portatrice di interesse’, contro l’indebito ritardo per i soli dipendenti pubblici del pagamento del Tfr/Tfs”. Insomma, prosegue, “dopo lo sblocco del contratto nel pubblico impiego, l’Unsa arriva ancora alla Corte Costituzionale per difendere la dignità dei lavoratori pubblici”.

“Una corresponsione dilazionata e rateale del trattamento di fine rapporto nell’ambito del pubblico impiego contrattualizzato può essere disposta in via congiunturale e programmatica, comunque temporanea, con specifico riferimento alla gravità della situazione economica in un determinato periodo di crisi, e non in via generale, permanente e definitiva, come avvenuto nella normativa in esame”. Così l’ordinanza del Tribunale di Roma (seconda sezione lavoro), che ha sospeso il giudizio e trasmesso gli atti alla Consulta, su un ricorso per ritardo del pagamento del Tfr nella P.A. Per il Tribunale, infatti, in questo modo si verifica “sia una violazione dei principi di adeguatezza e sufficienza della retribuzione di cui all’articolo 36 della Costituzione che una violazione del principio di parità di trattamento di cui all’articolo 3 della Costituzione con riferimento alla situazione del rapporto di lavoro privato” (Fonte Ansa).

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy