Coronavirus, salgono i contagi nel Nisseno: venticinque nuovi positivi in isolamento domiciliare - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Coronavirus, salgono i contagi nel Nisseno: venticinque nuovi positivi in isolamento domiciliare

Condividi questo articolo.

Tre pazienti sono stati ricoverati in Malattie infettive e tre in Rianimazione, dimessi sei pazienti e guariti otto positivi al virus che si trovavano in isolamento domiciliare

 

Nelle ultime 24 ore riscontro di venticinque pazienti positivi al Covid-19, tutti in isolamento domiciliare dei quali dieci di Gela, uno di Niscemi, cinque di Riesi, due di Caltanissetta, uno di Montedoro e sei di San Cataldo. Ricoverati nel reparto di Malattie infettive tre pazienti, uno di Caltanissetta e due provenienti da fuori provincia. Dimessi dalla stessa Uoc a domicilio 6 pazienti: due di Gela, due di Caltanissetta e due provenienti da fuori provincia. Ricoverati in Anestesia e rianimazione tre pazienti positivi, due sono di Gela e uno di Caltanissetta. Guariti otto pazienti in isolamento domiciliare: due di Gela, quattro di Niscemi, uno di Villalba e uno di Caltanissetta.

Questo è il bollettino diramato ieri sera dall’Asp2 di Caltanissetta dove mancano gli esiti dei tamponi rapidi eseguiti a Resuttano con uno screening esteso a tutta la popolazione scolastica. Sono risultati positivi quattro alunni, un insegnante e un collaboratore scolastico, questi si aggiungono agli altri otto alunni contagiati dal virus, ai quattro insegnanti e al collaboratore scolastico. I nuovi casi di Resuttano, asintomatici o con lievi sintomi, dovranno essere certificati con tampone molecolare.

I due pazienti di Gela ricoverati in Terapia intensiva sono una donna settantenne e il figlio di 50 anni. E’ stata prima ricoverata la madre e successivamente il figlio. Ricoverato in malattie infettive un operatore del 118, sempre di Gela; l’indagine epidemiologica, che tiene conto dei turni e dei contatti con i colleghi e con i contatti stretti, è in corso.

I sei pazienti dimessi a domicilio sono stati trasferiti nella ex Rsa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy