Caltanissetta. Rissa con accoltellamento in viale della Regione; in tre condannati dal giudice - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Caltanissetta. Rissa con accoltellamento in viale della Regione; in tre condannati dal giudice

Condividi questo articolo.

Uno condannato a 6 anni e 6 mesi per tentato omicidio e gli altri due a 8 mesi ciascuno per rissa. Così il gup Francesco Lauricella ha “letto” la ricostruzione di quanto accaduto nella serata dell’11 dicembre 2016 in viale della Regione, condannando a 6 anni e 6 mesi Damiano Cosimo Lombardo, 23 anni, colui che, secondo magistrati e carabinieri, colpì con una coltellata all’addome Andrea Milazzo durante una lite degenerata in rissa. A Lombardo è stata esclusa l’aggravante della premeditazione e gli sono state concesse le attenuanti generiche. Condanne più lievi, invece, per la vittima dell’accaduto, Andrea Milazzo di 30 anni e per l’amico di questi Fabrizio Cuda, 26 anni, che erano finiti nei guai per rissa.

Secondo l’accusa la lite era scoppiata per questioni di donne, solo che dalle parole si passò rapidamente ai fatti e ne nacque un parapiglia nel quale Milazzo si buscò una coltellata da parte di Damiano Cosimo Lombardo. “Teatro” della scena da cavalleria rusticana la zona di viale della Regione dove sorge il distributore Eni. Cuda, invece, era intervenuto – stando a quanto emerso fino ad ora – per dare man forte all’amico. Tutti e tre hanno scelto il rito abbreviato e per questo sono stati giudicati dal gup.

La pm Claudia Pasciuti aveva chiesto 8 anni e 6 mesi per Lombardo e 6 mesi ciascuno per Milazzo e Cuda, sostenendo che Lombardo volesse effettivamente accoltellare Milazzo con l’intenzione di ucciderlo e ritenendo gli altri due imputati coinvolti in pieno nella rissa che rischiò di finire in tragedia.

Di diversi avviso la legale di Lombardo, l’avvocato Maria Francesca Assennato, che aveva chiesto di derubricare il reato in quello di lesioni con l’applicazione del minimo della pena, chiedendo anche le attenuanti e l’esclusione della premeditazione; gli avvocati difensori Giuseppe Dacquì, Giovanni Di Giovanni e Daniela Carò avevano invece chiesto l’assoluzione di Milazzo e Cuda dall’accusa di rissa, sostenendo che entrambi non avevano avuto alcun comportamento violento e anzi erano stati aggrediti. Dopo il deposito della motivazione della sentenza i difensori presenteranno sicuramente appello. In Tribunale sono invece sotto processo i ventenni nisseni Giampaolo Lombardo e Salvatore Maria Emanuel Falzone – difesi dall’avvocato Giacomo Vitello – che hanno scelto il rito ordinario.

 

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.



Diritto di replica e rettifica: ai sensi dell'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948, chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it
Ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Non saranno ammessi turpiloqui, flames, comportamenti non decorosi, commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy