Problemi all'Asp di Caltanissetta. La UIL FPL chiede un incontro urgente alla direttrice generale Marcella Santino - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Problemi all’Asp di Caltanissetta. La UIL FPL chiede un incontro urgente alla direttrice generale Marcella Santino

Condividi questo articolo.

Il sindacato provinciale Uil Fpl di Caltanissetta ha inviato una richiesta d’incontro urgente alla direttrice generale f.f. dell’Asp 2, Marcella Santino, per affrontare diverse problematiche che riguardano i lavoratori dell’Azienda sanitaria e, di conseguenza, l’intera comunità nissena.

I principali temi, oramai non più rinviabili, che la Uil Fpl intende affrontare con il management, riguardano: la stabilizzazione dei precari, 243 dipendenti che da decenni aspettano il giusto inquadramento giuridico; l’integrazione oraria a 36 ore, che l’Amministrazione si era impegnata a far partire dal primo marzo, ma che invece non è avvenuta; l’applicazione del Contratto integrativo decentrato; il riconoscimento dei buoni pasto per i lavoratori cosiddetti turnisti; l’istituzione della banca delle ore; l’intollerabile ritardo nel pagamento delle indennità accessorie e degli straordinari non pagati. E infine, ma certamente non per importanza, la cronica carenza di personale che coinvolge tutti i presidi ospedalieri della provincia nissena.

Non è più tollerabile che nel reparto di Cardiologia del presidio ospedaliero S. Elia ci siano infermieri che non fruiscono di ferie da anni e che si sia perso per i lavoratori finanche il diritto di ammalarsi. Come non è più tollerabile un pronto soccorso sempre ingolfato, con dipendenti che non si fermano mai, mentre l’utenza sosta per giorni all’Obi. Come non è neanche pensabile che in un ospedale come il S. Elia ci siano solo tre ostetrici, oppure ausiliari costretti a lavorare tutte le giornate festive dell’anno, o che, per insufficienza del numero di anestesisti, si rinviino gli interventi programmati.

Non va meglio al nosocomio Vittorio Emanuele di Gela dove, per carenza di personale, le sale operatorie lavorano a regime ridotto e il servizio ambulatoriale, troppo spesso, viene sospeso, costringendo l’utente che ha aspettato in lista d’attesa la visita programmata, magari per mesi, a rinviare il controllo medico. Per non parlare della chiusura, dal 2016, del reparto di Malattie infettive e della mancanza di posti letto in Nefrologia e in Medicina, che causano lo stazionamento prolungato del paziente (oltre cinque giorni) nell’Osservazione breve del pronto soccorso, in attesa di un possibile trasferimento in un’altra struttura sanitaria.

Che dire poi del presidio di Mussomeli (che serve anche i territori di Casteltermini, Sutera, Acquaviva, Campofranco, Cammarata, Vallelunga e molti altri paesi dell’agrigentino) dove vi è una comunità montana, mal servita dalle strade, che non ha la pediatria. O del presidio di Mazzarino, che a poco a poco viene chiuso in nome della cosiddetta riconversione, tanto decantata ma mai partita.

 

La UIL esprime il proprio apprezzamento a tutto il personale, dirigenziale e del Comparto, per l’abnegazione e la dedizione che giornalmente mostra nel portare avanti i servizi, nonostante l’esiguo numero di lavoratori e un trattamento economico che lascia molto a desiderare.

 

Siamo certi che la dott.ssa Santino, che ha a cuore come noi la risoluzione dei problemi della sanità locale, darà seguito in tempi brevi a questa nostra richiesta d’incontro, affinché, assieme, si possano rapidamente trovare le giuste soluzioni e dare, finalmente, risposte concrete ai lavoratori e all’intera comunità nissena.

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy