Operazione Smart, due arresti a Gela per traffico illecito di sostanze stupefacenti - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Operazione Smart, due arresti a Gela per traffico illecito di sostanze stupefacenti

Condividi questo articolo.

Gela (CL): nella giornata del 9 aprile 2019 i Carabinieri del Reparto Territoriale di Gela hanno dato esecuzione a 2 (due) misure di custodia cautelare in carcere e varie perquisizioni nel territorio nisseno.

L’attività d’indagine, avviata nell’ottobre 2014 dalla Sezione Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile di Gela e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica, rappresenta un filone della più ampia rete di spaccio che già nell’aprile 2018 era stata portata alla luce nell’ambito dell’indagine “CRUIS”, per la quale gli uomini dell’Arma del Reparto Territoriale di Gela avevano eseguito nr. 9 (nove) misure cautelari .

Attraverso una serie di accertamenti tecnici, si è giunti quindi all’attività odierna, dove sono stati acquisiti elementi indiziari gravi e univoci relativi all’esistenza e piena operatività di un altro sodalizio dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina nel territorio di Gela facente riferimento alla figura di RADICIA Antonio.

L’operazione, eseguita dai militari del Reparto Territoriale dei Carabinieri di Gela, è stata denominata “SMART”, nome mutuato dal tipo di veicolo utilizzato per la fiorente attività di spaccio nel centro gelese da uno dei protagonisti, GRILLO Rocco, con la quale effettuava le cessioni agli acquirenti direttamente presso le loro abitazioni, e, soprattutto, nei locali della movida gelese nell’area di Piazza Sant’Agostino.

L’attività investigativa, attraverso una vasta ed attenta attività tecnica perpetrata con l’osservazione dei movimenti degli indagati – mediante prolungati servizi di O.C.P.- ha permesso di evidenziare, altresì, la stabilità del vincolo associativo e la permanenza del pactum sceleris: un’autentica organizzazione di uomini e mezzi protesa consapevolmente al compimento di una copiosissima serie di delitti in materia di stupefacenti.

LA STRUTTURA DELL’ASSOCIAZIONE: Il soggetto preminente, punto di riferimento per gli associati, è stato identificato nel citato RADICIA Antonio.

Attorno allo stesso ruotavano altre figure, tutte operative quali: quali GRILLO Rocco, BRANCATO Emanuele, principale fornitore della cocaina.

Il principale canale di approvvigionamento dello stupefacente del gruppo è stato individuato nella figura di BRANCATO Emanuele che riusciva a gestire ingenti quantitativi di sostanza stupefacente, avendo contatti con trafficanti calabresi ed a sua volta gestiva un grosso giro di spaccio.

L’attività d’indagine è stata resa ancora più complessa perché, attraverso le intercettazioni, si è accertato l’uso di un linguaggio criptico nelle comunicazioni tra i sodali ed un largo utilizzo dei social.

Per la cessione dello stupefacente o, per converso, la richiesta di stupefacente da parte degli acquirenti, le comunicazioni avvenivano esclusivamente mediante lo scambio di SMS con schede telefoniche intestate ad ignare persone,  con i malviventi che provvedevano a sostituirle continuamente per evitare di farsi identificare. Quale linguaggio criptico, per accordarsi sulla quantità e luogo d’incontro, usavano parole di uso quotidiano quali ad esempio “caffè”, “merit” “vieni a casa da 8”, per intendere una dose da 80,00 euro,   “bingo”, “vieni dietro la pizzeria da Dan 4”, per indicare il luogo e il quantitativo richiesto ovvero una dose da 40,00 euro, ecc..

Durante l’attività tecnica di intercettazione telefonica è stato stimato che il giro d’affari gestito dal gruppo, nel corso di una giornata, fosse di almeno € 800,00/1.000,00 per un volume mensile di circa 24.000,00/30.000,00 euro.

L’attività tecnica esperita dalla Sezione Operativa ha visto l’ascolto di intercettazioni telefoniche e ambientali,  per la durata complessiva di circa 1 anno.

Stamani l’esecuzione dei militari dell’Arma di Gela, che ha permesso di individuare e assicurare alla giustizia i seguenti responsabili ed esperire numerose perquisizioni:
SOGGETTI SOTTOPOSTI A MISURA:
➢ Misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di:

  1. GRILLO Rocco nato a Gela il 22.10.1992, celibe, nullafacente;
  2. RADICIA Antonio nato a Gela il 10.07.1985, celibe, in atto già sottoposto alla sorveglianza speciale di p.s., nullafacente, pregiudicato;

Contestualmente sono state svolte anche perquisizioni personali e locali nelle abitazioni degli indagati.

I soggetti coinvolti, dovranno rispondere, a vario titolo, dei reati di: associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, cessione, trasporto, detenzione illecita di stupefacenti.

 

(Foto di repertorio)

 

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy