Operazione antidroga ad Acate, marijuana tra i filari di pomodori scoperta dalla polizia di Ragusa e Niscemi. Quattro arresti – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti

Operazione antidroga ad Acate, marijuana tra i filari di pomodori scoperta dalla polizia di Ragusa e Niscemi. Quattro arresti

Condividi questo articolo.

L’operazione di polizia giudiziaria antidroga eseguita dalla Questura di Ragusa e dal Commissariato di Niscemi.

Piante di marijuana tra i filari di pomodori. L’ennesima serra di droga è stata scoperta martedì nel ragusano dalla Polizia di Stato che ha arrestato quattro persone: due albanesi e due romeni. Nel corso delle perquisizioni eseguite presso le abitazioni dei quattro stranieri, gli agenti hanno sequestrato cocaina, bilancini di precisione e munizioni e scoperto un allaccio abusivo alla rete elettrica. La serra con piante alte fino a due metri è stata scoperta durante un controllo effettuato presso un’azienda agricola ubicata ad Acate, località Serre, in contrada Macconi, gestita da una cittadina albanese di 36 anni, irregolare sul territorio nazionale. Oltre alla donna sono stati colti in flagranza di reato e arrestati altri tre soggetti: due romeni di 37 e 18 anni e un altro albanese di 18 anni. Gli arrestati erano intenti a lavorare all’interno di una delle serre, principalmente coltivate a pomodoro, difatti nell’area antistante alla casa rurale annessa all’azienda agricola, erano presenti alcune decine di casse di pomodorino appena raccolte e pronte per essere commercializzate. Nel corso della perquisizione effettuata all’interno della proprietà terriera, grazie al fiuto dei cani poliziotto, tra i filari di piante di pomodoro sono state trovate numerose piante di marijuana di altezza variabile tra i 180 e i 230 cm circa. Inoltre, sono stati rinvenuti due involucri in cellophane termosaldati contenenti cocaina per quasi 10 grammi, 22 cartucce per pistola e 2 bilancini di precisione, tarati per la pesatura dei decimi di grammo, ovvero per la cocaina, quindi utilizzati per il confezionamento delle dosi della sostanza stupefacente. Accertato anche il furto di energia elettrica grazie a un magnete sistemato sopra il contatore dell’Enel. I quattro stranieri sono stati tratti in arresto per coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti e detenzione di munizioni.

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.