Muos. Rizzo (M5s): “Prendiamo atto della sentenza di assoluzione e attendiamo di conoscerne le motivazioni” – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti

Muos. Rizzo (M5s): “Prendiamo atto della sentenza di assoluzione e attendiamo di conoscerne le motivazioni”

Se ti e' piaciuto questo articolo, condividilo.

“Prendiamo atto della sentenza di assoluzione per il reato di  abusivismo edilizio e violazione della legge ambientale per la costruzione del Muos ed attendiamo di conoscerne le motivazioni”. Così il parlamentare nazionale del Movimento 5 stelle Gianluca Rizzo commenta la sentenza di assoluzione agli imputati nel processo con rito abbreviato coinvolti nella vicenda Muos. “La tesi del procuratore di Caltagirone, Giuseppe Verzera, – sottolinea Rizzo – non è stata accolta ma ciò non toglie che il Muos resta un’opera abusiva sul piano morale e osteggiata dalla stragrande maggioranza dei siciliani. Per quanto ci riguarda, continueremo a portare sempre la dovuta attenzione nelle sedi politiche nazionali e regionali per tutelare la popolazione rifacendoci sempre al principio di precauzione della salute dei siciliani, all’eccessiva militarizzazione del territorio ed ai potenziali rischi derivanti dalla presenza scomoda di questa installazione militare.
“Le sentenze non si replicano e l’autorevolezza della magistratura non è mai oggetto di discussione – aggiunge Giampiero Trizzino – ciò non toglie però che il Muos per il M5s e per tutti coloro che lo stanno subendo, resta un’opera orribile che deve essere smantellata. Non ci fermeremo neanche nella nuova legislatura e resteremo al fianco dei cittadini”.

Il deputato Rizzo insieme ai suoi colleghi regionali ha già annunciato che chiederà tramite un atto parlamentare di impegnare il governo Musumeci ad interessare l’ambasciata americana per smantellare quella parte della “foresta di antenne” inutilizzate, restituendo, almeno parzialmente, il panorama originale di questo meraviglioso territorio.

(Foto La Sicilia)

 

Se ti e' piaciuto questo articolo, condividilo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *