Mis Gela: “Basta con la strage dei morti da inquinamento” – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Mis Gela: “Basta con la strage dei morti da inquinamento”

Se ti è piaciuto questo articolo, valutalo.

Condividi questo articolo.

Questo si fa. Si scrive Rip sui social, sotto la foto della nuova vittima di una società malata che non fa niente per tutelare i propri figli.

Uno stillicidio: la morte di Nuccia Frasca, 40enne gelese è l’ennesima. E’ un genere di notizie a cui ci siamo maledettamente abituati.
Non è un commento su facebook che cambia le cose, e probabilmente nemmeno questa lettera.
Ma in una città che per decenni ha consentito in cambio di lavoro ed illusioni di gettare semi di morte che da qualche tempo stiamo amaramente maturando, non vogliamo i Rip. Vogliamo che la gente si indigni, che la stampa insista, che la politica urli ed agisca.

Siamo avvelenati , abbandonati da un punto di vista sanitario e non siamo nemmeno risarciti per i danni subiti. Non un furto, non un auto bruciata. La vita, il bene supremo, quello che si deve difendere ad ogni costo. La vita, quella di tutti. Riteniamo assurdo che faccia più rumore un auto bruciata ad un politico. Che sarà pure un politico, ma è una maledetta auto bruciata che vale quanto tutte le altre auto bruciate che non fanno lo stesso rumore, e che vale sempre e comunque meno, molto meno di una vita. I numeri sono impietosi, non c’è mafia che tenga. La strage di Gela non è quella mafiosa, che è sempre detestabile e da non dimenticare; è quella causata dall’inquinamento. Sono molti, troppi di più gli uccisi dall’inquinamento. Chi non reagisce è colpevole tanto quanto i mandanti, gli esecutori e i protettori, che ancora non hanno nomi e volti.

Il Mis di Gela non ha mai voluto esporsi riguardo a certe notizie, per non voler apparire strumentalizza tori, ma all’ennesima giovane vittima il mal di pancia è insopportabile. Siamo pochi, non abbiamo aspirazioni a cariche istituzionali, siamo abbastanza lontani da eventi elettorali per essere sospettati di fare campagna elettorale. Ma siamo solo Gelesi e Siciliani che difendono la Sicilia, che tramandano la tradizione di chi difendeva la nostra terra dai colonizzatori. E chi ha inquinato lo sappiamo tutti: lo Stato, con la sua politica di sfruttamento coloniale, che ha trattato la Sicilia e Gela in particolare come terra da saccheggiare, da sfruttare, da inaridire e demolire come si fa con le più remote colonie africane. Barattando con denaro e posti di lavoro ci hanno tolto terre, acqua, salute e, comunque, come prevedibile da tempo, alla fine anche il lavoro.

Non va abbassata la guardia, manteniamo viva l’irritazione, Nadia non doveva morire, non aveva nessuna colpa se è nata a Gela. Nessuno deve morire o ammalarsi solo perché è nato qui. Eppure si continua a fare.

Vogliamo strutture sanitarie efficienti e localizzate qui a Gela, nel luogo della tragedia, risarcimenti a chi ha perso familiari o a chi ha contratto malattie da esposizione ad agenti inquinanti, agli agricoltori, alla città. Chi inquina paga. Tutti i sindaci del territorio, la Regione, devono chiederlo con forza, ogni giorno. Un’onda unica e continua, una voce sola. Non l’hanno mai fatto, non ancora. Ma devono farlo.

I giornali lo scrivono, in tv sempre più spesso ne parlano. Roma è sorda, i politici nostri tacciono.

Rip a tutte le vittime, ma onoriamole come si deve. Non permettiamo che siano morte invano.

Centinaia di Nuccia Frasca chiedono giustizia. Hanno pagato loro, salviamo chi verrà dopo di loro e dopo di noi. Speriamo che l’appello del Mis Gela venga raccolto da tutti i cittadini. La vita è vita. Non ha colore politico.

Invitiamo tutti, singoli cittadini, associazioni, aziende, ad attivarsi con i mezzi che si hanno a disposizione, a tempestare di lettere le autorità politiche, a tenere alta l’attenzione perché non si può più accettare passivamente.

 

Mis (Movimento per l’Indipendenza della Sicilia Gela)

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Un pensiero riguardo “Mis Gela: “Basta con la strage dei morti da inquinamento”

  • 27 Giugno 2018 in 9:23
    Permalink

    Io sono una vedova del petrolchimico, mio marito è deceduto in soli 3 settimane con una leucemia fulminante, per 35 anni ha lavorato al petrolchimico di gela e dopo 5 anni dalla sua morte, essendo una malattia professionale, ancora devono riconoscermi il diritto sacrosanto della pensione ai superstiti, ho dovuto spedendole fior di quattrini per improntare una causa che ancora non vede nessuna risposta positiva. È risaputo che il benzene è la causa della leucemia mieloide, ma l’Inail non la riconosce…….è triste pensare che una persona muore e i dirigenti del polo petrolchimico fanno sparire anche il fascicolo medico-aziendale e l’Inail non impone niente a questi signori che si sono arricchiti risparmiando sulla sicurezza ………infatti nel laboratorio analisi le cappe aspiranti non funzionano , le mascherine le portano i dipendenti da casa e i guanti in l’attrice pure, in compenso i dirigenti sui risparmi ingrassano le loro tasche e i dipendenti muoiono……che tristezza tutto quanto …….

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy