La riflessione di Marco D'Arma: "Tutti uniti per Caltanissetta" - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

La riflessione di Marco D’Arma: “Tutti uniti per Caltanissetta”

Condividi questo articolo.

Nell’ultimo ventennio la nostra Città ha attraversato un lento e doloroso declino. I complici di questo “disastro sociale” siamo stati tutti noi: dalle Amministrazioni comunali (sindaci, giunte e Consigli comunali), ai sindacati, ai vertici delle Società partecipate a tutti i cittadini che in maniera attiva e/o passiva hanno contribuito a far sì che Caltanissetta precipitasse nella lista delle città più invivibili d’Italia.
Fatta questa doverosa promessa, adesso faccio a tutti noi una domanda: da chi dipende adesso la rinascita della nostra città?

Ai più potrà sembrare strano, ma la rinascita di Caltanissetta spetta in primis ai cittadini nisseni e, solo successivamente, all’Amministrazione comunale, ai sindacati e ai vertici delle Società partecipate.

Adesso vi dico cosa potrebbe fare ognuna di queste parti impegnandosi affinché Caltanissetta possa essere riqualificata e rivalutata a livello Internazionale.
I cittadini devono lavorare e applicarsi sulle piccole cose: rispettare gli orari per gettare l’immondizia; fare la raccolta differenziata; evitare di gettare per terra o dal finestrino dell’auto qualsivoglia carta, bottiglia o cicca di sigaretta (perché poi siamo i primi a lamentarci che i tombini sono otturati, vero!?); parcheggiare solo negli stalli consentiti e negli orari consentiti; evitare di lasciare l’auto parcheggiata in seconda fila, specie se la strada ha due corsie contate; pagare i mezzi pubblici; pagare la Tari; evitare di sentirsi i padroni assoluti della strada, rispettando il Codice della Strada; evitare di occupare in qualsivoglia modo le corsie preferenziali riservate ai Bus; evitare di lamentarsi di una cosa e del suo esatto contrario (anche perché ciò è sinonimo di incoerenza); rispettare le istituzioni. Non penso sia difficile.
Poi, come è normale che sia, tocca al sindaco Gambino e alla sua giunta comunale, riuscire a gestire la situazione economico-finanziaria del Comune.
Oltre alla sua abilità nel dialogare con la comunità; deve prendere le decisioni in base alle reali necessità della popolazione; deve garantire tutti i servizi previsti dalla legge; deve provare a migliorare tutti i servizi che sono migliorabili, compatibilmente con i fondi che ha a disposizione; deve essere ottimista; deve sopprimere eventuali inadempienze tra quelle descritte alla voce precedente; deve essere “amico” della città e dei cittadini e non sovrana; deve essere autorevole e non autoritaria; deve risolvere i problemi che la popolazione segnala, dopo opportune verifiche; deve lavorare e deve farlo in maniera onesta; deve ottemperare al 100% delle proprie possibilità ai decreti su sicurezza e trasparenza in modo che tutti possano “vivere” il Palazzo municipale.
E in questo momento (pur non essendo un fan a 5 stelle), il sindaco Gambino si sta muovendo nella direzione giusta e deve continuare a farlo.

In più, tutti noi, nessuno escluso, dovremmo imparare a eliminare quest’odio sociale che ormai da anni ci portiamo avanti. Per cinque anni abbiamo avuto un sindaco pacifista e, nonostante ciò siamo riusciti, ad avere una situazione di odio sociale enorme. Adesso abbiamo un sindaco deciso e autorevole e siamo in un pieno clima di ostilità; siamo divisi in due grandi fazioni: chi lo appoggia e chi lo odia. Io vi chiedo e mi chiedo, di mettere tutto da parte, perché l’odio sociale e il dibattito acceso che sfocia sempre in insulti e litigi futili, non porta a nulla di buono né per il nostro singolo né per la collettività.
L’unione fa la forza.
Mettiamo da parte le nostre simpatie politiche e uniamoci in un unica grande squadra di città che collabora e metta davanti l’interesse collettivo più che personale.
Sara il tempo, come sempre, a decidere se la giunta lavorerà bene o male, ma nel frattempo non cerchiamo di puntare sempre il dito.
Affidiamoci nelle mani del nostro Santo Patrono San Michele, che ci guidi nella direzione giusta.

Marco D’Arma

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy