I precari della Camera di commercio Nissena chiedono la stabilizzazione - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

I precari della Camera di commercio Nissena chiedono la stabilizzazione

Condividi questo articolo.


Continua la complicata odissea dei 41 lavoratori precari in servizio presso la Camera di Commercio di
Caltanissetta e Gela che dopo essersi visti estromessi dal D.M. MISE 8 agosto 2017 pubblicato in GU il
19/09/2017 per mera dimenticanza o chissà per cos’altro, che prevedeva l’accorpamento delle tre
camere di Agrigento, Caltanissetta e Trapani, rischiano inverosimilmente di non avere un futuro
occupazionale stabilizzato, alla stessa stregua di altri lavoratori precari in servizio presso ulteriori
enti pubblici che hanno vista applicata a loro favore la Legge 124/2015, meglio conosciuta come
legge Madia.
Occorre ribadire che si tratta di ben 41 lavoratori con contratto a tempo determinato (contro
sette lavoratori effettivi con contratto a tempo indeterminato) che ormai costituiscono una parte
fondamentale nella funzionalità della struttura e che da più di vent’anni sono costretti a subire
annualmente un vero e proprio stillicidio per le ripetute proroghe contrattuali per poi non avere
alcuna certezza è prospettiva lavorativa.
Non sono bastate nel corso del tempo le continue azioni sindacali atte a sensibilizzare le
istituzioni preposte e l’Amministrazione della stessa Camera di commercio, all’epoca retta dalla
presidenza di Antonello Montante, a rendere proficuo un percorso sinergico finalizzato alla
stabilizzazione dell’anzidetto personale precario.
Nonostante ciò, i lavoratori tutti hanno sempre continuato col proprio sacrificio, bistrattato
dal logorio istituzionale e amministrativo dello stesso Ente camerale, a servire con spirito di
collaborazione, tutta la cittadinanza amministrata senza mai porre limiti né questioni.
Non è mai stato semplice da parte di questa Organizzazione sindacale gestire l’arroganza dei
vertici amministrativi, specie quando con atteggiamento di sfida, presentavano sul tavolo di
confronto argomentazioni che spesso cozzavano negativamente col buon senso, in barba ad ogni
sano rapporto sindacale.
Oggi dopo le incresciose situazioni giudiziarie in capo alla presidenza dell’Ente, la Camera di
commercio di Caltanissetta risulta essere commissariata.
Con l’attuale Commissario straordinario, Prof.ssa Giovanna Candura, si è stabilito un buon
rapporto di collaborazione e nel complesso, Ella stessa è spesso partecipativa nelsostenere le nostre
istanze in favore dei lavoratori precari.
Nei giorni scorsi è stato proclamato l’ennesimo stato di agitazione degli anzidetti lavoratori,
che perdura ancora oggi senza alcuna intenzione di sospenderne l’azione, anche perché è fresca la
notizia avuta in sede parlamentare all’ARS, che afferisce ad un ipotetico emendamento presentato
dalla deputazione regionale, articolato nel contesto generale che riguarda il Collegato alla Legge
finanziaria della Regione Siciliana che nella fattispecie andrebbe a definire la stabilizzazione
occupazionale dei 41 lavoratori applicando loro i contenuti della ormai nota Legge Madia.
Orbene, I lavoratori, sostenuti e rappresentati dall’UGL FNA, venuti a conoscenza che le
operazioni d’aula presso l’ARS riprenderanno il prossimo 24 settembre, manterranno lo stato di
agitazione, fintantoché non otterranno notizie confortanti dalla sede parlamentare regionale atte a dimostrare l’avvenuta approvazione della specifica norma a loro diretta.

l vicesegretario provinciale
UGL FNA
F.to Filippo Crucillà
Il Segretario Provinciale
F.to Salvatore Lauria

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy