Giornata conclusiva del concorso “Noi rispettiamo Gela… E tu?”, promosso dalla Fai Antiracket, “Associazione Gaetano Giordano” con il patrocinio della Polizia di Stato - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Giornata conclusiva del concorso “Noi rispettiamo Gela… E tu?”, promosso dalla Fai Antiracket, “Associazione Gaetano Giordano” con il patrocinio della Polizia di Stato

Condividi questo articolo.

Gela, giornata conclusiva del concorso “Noi rispettiamo Gela… E tu?”, promosso dalla FAI Antiracket di Gela, “Associazione Gaetano Giordano”, con il patrocinio della Polizia di Stato.

Scopo dell’iniziativa: sensibilizzare le giovani generazioni al senso civico e al rispetto della cosa pubblica.

Con la premiazione dei migliori elaborati, si è concluso stamattina, presso il teatro comunale Eschilo di Gela, il concorso “Noi rispettiamo Gela… E tu?”, promosso dalla FAI Antiracket di Gela, “Associazione Gaetano Giordano”, con il patrocinio della Polizia di Stato, dedicato agli studenti della scuola secondaria di primo grado di sette istituti scolastici della città. A presentare la manifestazione, la giornalista Fabiola Polara.

Lo scopo del concorso è quello di contrastare i numerosi, quasi quotidiani, atti di vandalismo di cui la città è vittima, attraverso una satira mirata a mettere in ridicolo le gesta vandaliche e i reati a esse correlati che deturpano gli spazi del vivere civile. Agli oltre trecento ragazzi presenti stamattina in teatro nei mesi scorsi era stato chiesto di realizzare delle opere grafiche a tema.

Oltre al Presidente dell’Associazione promotrice dell’evento, Cav. Renzo Caponnetti, al teatro Eschilo, stamattina sono intervenuti il Questore di Caltanissetta, Giovanni Signer, il capo di gabinetto del Prefetto, dr Fabio Malerba, il segretario vescovile Don Lino Di Dio, in rappresentanza del Vescovo della Diocesi di Piazza Armerina, il dirigente scolastico Maurizio Tedesco e in rappresentanza del Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale – Ambito Territoriale di Caltanissetta ed Enna e altre autorità civili e militari.

Oltre trenta gli elaborati che hanno ricevuto un riconoscimento da parte dell’apposita commissione esaminatrice, costituita in seno all’associazione antiracket. I primi sei elaborati, premiati con tablet, smartphone e materiale didattico sono degli studenti Ginevra Sarcuta della classe III F dell’I.C. “Quasimodo”, Paola Tomasi della scuola media “Albani Roccella”, Lucrezia Incorvaia della scuola media “Ettore Romagnoli”, Teodora Catalano dell’I.C. “Don Milani”, Miriam Limontini dell’I.C. “Quasimodo” e Salvatore Giuliana dell’I.C. “San Francesco”.

Il Questore Giovanni Signer, che ha fortemente creduto nel progetto di prossimità appoggiando e patrocinando l’iniziativa, ai ragazzi presenti stamattina al teatro Eschilo, ha ribadito l’importanza dell’arma dell’ironia per veicolare utilmente il messaggio sociale tra i loro pari. Il Questore ha anche proposto all’Amministrazione comunale di Gela di valutare la possibilità di riprodurre i sei elaborati premiati stamattina attraverso manifesti di adeguate dimensioni e di affiggerli in punti strategici della città, al fine di veicolare il messaggio espressi dai ragazzi all’intera comunità cittadina.

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy