Femminicidio a Catenanuova: spara alla compagna e si costituisce - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Femminicidio a Catenanuova: spara alla compagna e si costituisce

Condividi questo articolo.

«La vendetta un piatto freddo, più è freddo e più si gusta». Così scriveva sul proprio profilo Facebook Filippo Marraro, il cinquantunenne titolare di un autolavaggio che questa mattina a Catenanuova ha ucciso l’ex compagna Loredana Calì, 41 anni, prima di costituirsi ai carabinieri.
Una frase che fa pensare a un femminicidio premeditato e d’altronde anche le modalità lo confermano. Marraro infatti aveva  detto alla ex che voleva parlare con lei della separazione e dell’affido dei due figli avuti insieme, ma addosso aveva una pistola nascosta.
L’omicidio è avvenuto nelle campagne dell’Ennese, davanti alla casa dei genitori di lei in territorio di Catenanuova, dove i due vivevano insieme sebbene stessero per separarsi. Poco prima che Loredana andasse a lavorare, l’ex marito si presentato davanti a lei per parlare della separazione dicendole che le avrebbe dato un passaggio allo studio dove lei collaborava. Ma prima di salire in auto, l’uomo avrebbe estratto l’arma e fatto fuoco: due colpi di pistola diretti al petto. Loredana è morta sul colpo.
Dopo poco Marraro si è presentato in caserma e si è costituito: «Ho ucciso la mia donna. Aveva altri uomini» avrebbe detto ai carabinieri. L’uomo ha anche raccontato di aver nascosto l’arma, un revolver a 5 colpi, nel suo autolavaggio dove i militari l’hanno ritrovata.  Sul corpo della donna è stata disposta l’autopsia.  Le indagini sono coordinate dal comandante provinciale Saverio Lombardi. Il movente che avrebbe spinto Marraro a sparare sarebbe stato quindi la gelosia, l’uomo era convinto che l’ex compagna frequentasse altri uomini anche se non ci sono conferme in questo senso.
I due non si erano mai sposati. Conviventi da 18 anni,  sembra che la loro storia si fosse conclusa ad agosto, anche se i due come detto continuavano a vivere nella stessa casa. A decidere di mettere fine alla relazione sarebbe stata proprio Loredana. Una decisione mai accettata da Marraro e sfociata stamattina nel terribile omicidio.
La coppia aveva due figli in età adolescenziale. Per Marraro era la seconda unione e aveva avuto un figlio dalla precedente relazione. Dopo il divorzio aveva conosciuto Loredana Calì e intrapreso una nuova relazione dalla quale sono nati due figli. Ma anche questa unione era andata male. Sul profilo social, nella colonna di presentazione, Marraro scrive di essere «disoccupato ben organizzato», ma soprattutto sembra che abbia recentemente cambiato il suo stato relativo alla relazione in «vedovo».
Telefono Rosa rende noto che con questo siamo a 17 femminicidi dall’inizio dell’anno. «C’è tanta amarezza – ha detto a presidente del Telefono Rosa Nazionale Maria Gabriella Carnieri Moscatelli – nel constatare che si fanno convegni sulla violenza di genere, congressi in difesa della famiglia assicurando un futuro favoloso ma intanto le donne continuano a morire con dinamiche purtroppo simili: uomini che non accettano la fine di una storia e con violenza le aggrediscono e arrivano addirittura ad ucciderle».  (La Sicilia)

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

Stampa Stampa
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy