Delia. “Donna morta dopo una lite”, madre e figlia a processo in Corte d’assise – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti

Delia. “Donna morta dopo una lite”, madre e figlia a processo in Corte d’assise

Condividi questo articolo

Madre e figlia sono finite sotto processo in Corte d’assise per omicidio preterintenzionale, con l’accusa di avere colpito una loro compaesana causandole una serie di problemi che la condussero alla tomba nel giro di due anni. A rispondere di queste accuse Rita Di Grigoli, 54 anni e Paola Gulizia, 27 anni (difese dall’avvocato Calogero Meli). Le due donne, il 23 giugno 2013, litigarono per futili motivi con la vicina di casa Carmela Barone, che aveva 60 anni, ma dalle parole si scatenò un parapiglia durante la quale Barone venne spinta a terra, battè la testa contro un oggetto e, secondo l’accusa, fu anche colpita al capo. La donna non morì subito, ma per lei iniziò un vero e proprio calvario; fu ricoverata in una casa di cura dove morì il 19 settembre 2015. La lite, stando alla ricostruzione del pm Maurizio Bonaccorso, iniziò perché un nipote della vittima stava scorrazzando con il motorino nella via dove vivono le due famiglie e il rumore aveva infastidito madre e figlia.

La prima udienza del processo è stata subito rinviata perché la Corte d’assise nissena (presidente Roberta Serio, giudice a latere Graziella Luparello) vuole rintracciare alcuni parenti della vittima residenti in Inghilterra per dare loro modo di costituirsi parte civile, qualora lo ritengano opportuno. Altri familiari lo hanno già fatto e sono assistiti dall’avvocato Luigi Di Natale; si torna in aula a maggio.

Condividi questo articolo
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *