Caltanissetta. “Ha tentato di uccidere la convivente”: chiesta condanna a 13 anni – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Caltanissetta. “Ha tentato di uccidere la convivente”: chiesta condanna a 13 anni

Condividi questo articolo.

Il pubblico ministero Matteo Campagnaro ha chiesto al Tribunale di Caltanissetta la condanna a 13 anni per il nisseno Gianluca Di Giugno, 40 anni, accusato di avere tentato di uccidere la ex convivente, oltre che di lesioni gravissime e maltrattamenti.

Secondo l’accusa Di Giugno, nel maggio di un anno fa, aggredì la ex convivente con un taglierino e cercò anche di strangolarla, oltre ad averla anche picchiata con schiaffi e pugni al viso. La donna, riuscendo a sfuggire alla furia dell’uomo, riuscì a comporre il “113”, ma non riuscì a parlare; l’operatore del centralino, però, rimase in ascolto e sentì il rumore della colluttazione, riuscendo a individuare l’indirizzo grazie al numero di telefono comparso sul display degli apparecchi della Questura. Sul posto intervennero i poliziotti delle volanti, che arrestarono Di Giugno, attualmente detenuto nel carcere di Enna.

La prossima settimana si tornerà in aula per  le conclusioni dell’avvocato di parte civile Emanuela Lopiano e dei difensori Walter Tesauro e Calogero Vetri.

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.