Assenteismo al Comune di Caltanissetta: le motivazioni dell'assoluzione di 13 dipendenti - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Assenteismo al Comune di Caltanissetta: le motivazioni dell’assoluzione di 13 dipendenti

Condividi questo articolo.

Dei 13 imputati assolti per i presunti casi di assenteismo al Comune di Caltanissetta in un caso non c’era alcun elemento a certificare la falsa attestazione di presenza mentre negli altri casi le condotte non erano reiterate e in numero non superiore a cinque tali da configurare l’accusa di falso. Lo scrive il giudice Tiziana Mastrojeni nella motivazione della sentenza del processo a 44 dipendenti comunali – conclusosi con 31 condanne tra 9 mesi e 2 anni e 13 assoluzioni – accusati a vario titolo di truffa alla pubblica amministrazione e falso.

Lo scorso 3 maggio erano stati assolti – così scrive Vincenzo Pane sul quotidiano La Sicilia – Giuseppe Schifano, Giovanni Antonio Marchese (difesi dall’avvocato Davide Schillaci), Arcangelo Panzica (difeso dall’avvocato Emanuela Lopiano), Silvana Rando (avvocato Salvatore Patrì), Patrizia Gelsomino (avvocato Salvatore Patrì), Stefano Barba, Gaetano Lauricella, Angelo Cartone (difesi dall’avvocato Sergio Iacona), Michele Salvatore Fonti (avvocato Maria Teresa Consegna), Santo Filippo Falcone (avvocato Chiara Petix), Fortunato Enrico Giannone, Angelo Maira (difesi dall’avvocato Sergio Iacona) e Giovanni Micalizzi (avvocato Michele Micalizzi).

Ora si attende che vengano presentate tutte le richieste di appello e poi verrà fissato il processo di secondo grado.

(Fonte La Sicilia – articolo di Vincenzo Pane)

Ti può interessare anche:

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

Stampa Stampa
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy